Quando le foto panoramiche deformano i nostri amici a quattro zampe

Commenti Memorabili

Quando le foto panoramiche deformano i nostri amici a quattro zampe

| 14/04/2019
Quando le foto panoramiche deformano i nostri amici a quattro zampe

È estate, siete in vacanza e davanti a voi si para un meraviglioso paesaggio.

Tutti sanno che le foto che non sono ritratti non dovrebbero essere scattate in verticale. Eppure, anche con il telefono in orizzontale, tutta la magnificenza della vastità di un luogo da favola proprio non entra nell’inquadratura. A questo punto cosa c’è di meglio se non immortalarlo in una splendida panoramica?

Dopotutto tale tecnologia telefonica sembra davvero perfetta per catturare in tutto il loro fulgore vallate sconfinate, catene montuose, magnifici deserti dalla sabbia variopinta. Sappiamo bene però che per una mano non proprio ferma la foto panoramica potrebbe essere tutt’altro che semplice.

Diventa ancora più assurda se all’interno dello scatto inizia a passeggiare il tuo simpatico animale domestico (o animali vari, di foggia e dimensione). Da una simpatica foto di Fuffi ad una singolare creatura con quattro orecchie, tre code, diciotto zampe e un solo occhio il passo è davvero breve.

Ma come mai? Cosa succede nei meandri dei nostri fidati telefonini affinché il nostro amico peloso si trasformi nella più temibile delle sfide di Ercole? E prima? Come funzionavano le foto panoramiche? Tuffatevi con noi in questo marasma di arti in più o in meno, pronti senza indugio a grasse risate!

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend