Frutta e verdura: i 12 prodotti più contaminati dai pesticidi



Frutta e verdura contaminati dai pesticidi. Non è più una novità. Ma quali sono quelli più contaminati da sostanze nocive? E quali invece possono essere consumati a cuor leggero perché ne contengono meno? A rivelarlo è la Dirty Dozen 2018, la cosiddetta Sporca Dozzina. La classifica, stilata ogni anno dall’Environmental Working Group (EWG) analizza la quantità di pesticidi presenti in frutta e verdura.

E le fragole si confermano in testa alla classifica, per il terzo anno consecutivo. L’elenco di Dirty Dozen fa parte dell’annuale Shopper’s Guide to Pesticides in Produce, un’analisi condotta sui prodotti del Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti.

Ogni anno, l’EWG, organizzazione senza scopo di lucro, pubblica questo elenco per facilitare l’eliminazione dei residui di pesticidi. Anche se frutta e verdura sono una parte vitale di una dieta sana, gli antiparassitari residui presenti sui prodotti possono essere nocivi per la salute.

Quest’anno EWG ha anche reso noto un video per spiegare come viene redatta la classifica, perché alcuni tipi di frutta e verdura finiscono spesso nell’elenco della Dirty Dozen mentre altri si posizionano in fondo alla lista, ossia la Clean Fifteen. Quest’ultima riguarda i prodotti in cui sono state trovate quantità ridotte o nulle di antiparassitari.

Ed ecco le due classifiche:

2018. Quantità elevata di antiparassitari

  1. Fragole
  2. Spinaci
  3. Nettarine
  4. Mele
  5. Uva
  6. Pesche
  7. Ciliegie
  8. Pere
  9. Pomodori
  10. Sedano
  11. Patate
  12. Peperoni dolci

2018. Quantità ridotta o nulla di antiparassitari

  1. Avocado
  2. Mais dolce
  3. Ananas
  4. Cavolo
  5. Cipolle
  6. Piselli dolci surgelati
  7. Papaya
  8. Asparagi
  9. Mango
  10. Melanzana
  11. Melone di melata
  12. Kiwi
  13. Melone cantalupo
  14. Cavolfiore
  15. Broccolo

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *